Notti d'estate a Giugliano ...

Valorizzare, sul calare della stagione estiva, il territorio locale e riassaporare il piacere della socialità, dopo il buio della pandemia. Sono questi alcune delle finalità della manifestazione "Notti d'estate a Giugliano", un'iniziativa promossa dall'Amministrazione Comunale di Giugliano in Campania che, in partnership con la Pro Loco “Litorale Domitio", ha organizzato una rassegna di sette eventi musicali e artistici che spaziano dal jazz al cabaret, per accompagnare la cittadinanza, in questo scorcio d'estate, ad affrontare con maggiore positività l'imminente autunno e, più in generale, la vita dopo due anni veramente difficili.

Riflettori puntati sulla fascia costiera per tre di questi eventi: i primi due, "Simply the Jazz" ed "Archi dal mondo", si sono svolti durante l'ultimo weekend presso l'auditorium della “Don Salvatore Vitale”. Spazio alla musica jazz con i maestri Ciro Caravano (fondatore e arrangiatore dei “Neri per Caso”) al piano e Pietro Condorelli (capo dipartimento Jazz al Conservatorio di San Pietro a Majella) alla chitarra, che nella serata di sabato si sono esibiti sul palco dell’Istituto in una jam session con gli artisti Emiliano De Luca al contrabbasso e basso elettrico, Claudio Borrelli e Patrizio Catalano alla batteria ed alle percussioni.

Hanno introdotto l’evento gli allievi dell'Accademia Musicale "Domenico Cimarosa", partner dell’Istituto nel modulo “Crescere in banda” del progetto "Scuola viva in quartiere".

Domenica pomeriggio, invece, è stata la volta del Concerto "Archi dal Mondo" dell'orchestra Athena, un gruppo totalmente al femminile diretto dal giovane Maestro Federica di Vaio, che ha coinvolto il pubblico in un viaggio musicale tra le note di compositori da Mozart a Bernstein, passando per Giuseppe Verdi, Bizet ed Elgar. Oltre un’ora di musica classica che ha visto all’opera un insieme di giovani musiciste, legate non solo dalla passione per la musica, ma anche dalla volontà di ricordare quanto sia grande il privilegio di poterla esprimere liberamente e con la coscienza di far rivivere al pubblico emozioni mai dimenticate.

Non a caso il concerto, organizzato con il supporto dell’associazione Emergency, area Campania, è stato dedicato alle colleghe afghane che stanno vivendo un momento buio della loro vita, con la speranza che anche per loro, presto, l’arte musicale diventi opportunità di espressione interiore e soprattutto di riscatto.

Sullo scivolare dell’ultima nota, le luci del palco della Vitale si sono spente, ma solo per tre giorni: già fervono i preparativi per l’ultimo dei tre eventi in calendario, l’attesa esibizione di canzone tradizionale napoletana del “Trio Calimma”, autentici testimoni della salvaguardia e valorizzazione del patrimonio linguistico partenopeo, reduci dalla magica esperienza internazionale dei due concerti nell’anfiteatro romano di Durazzo in Albania dello scorso luglio.

Appuntamento dunque mercoledì 29 alle ore 20:00 presso il nostro auditorium, per una serata in cui omaggiare le nostre radici con uno sguardo al futuro, affinché occasioni di ritrovo di questo tipo ritornino ad essere una piacevole opportunità d’incontro, in un luogo centrale dal punto di vista educativo come la scuola, che unisce passato e presente per ricamare un domani migliore.

L’accesso sarà inevitabilmente riservato ai possessori di green pass e consentito fino al raggiungimento dei posti disponibili nel rispetto delle condizioni di distanziamento consentite dalla attuali regole di prevenzione dal rischio epidemiologico.

Notti d'estate