Un basolato per l'Unicef

Giornata sui ”DIRITTI DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA”.

Istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1954 e adottata dall’Italia nel 1989, l'Unicef ha riconosciuto i bambini come aventi diritti civili, sociali, culturali, politici ed economici. Insieme all’adozione della Convenzione, in quella giornata si celebra la Giornata Mondiale dei Diritti dei Bambini e delle Bambine, poiché è grazie all’adozione e ratifica di questo documento che i bambini sono protetti e tutelati in quasi tutti i paesi del mondo, .

Amministrazioni comunali e istituzioni scolastiche sono state chiamate a partecipare alla V edizione del tour/staffetta sui Diritti, ideata dal Comitato UNICEF della Regione Campania “Luigi Bellocchi”.

Definita dalla presidente Narciso “un eccezionale momento di aggregazione e vicinanza tra le persone”, il tour/staffetta celebra il XXXII anniversario della Convenzione ONU del 1989 avente quale simbolo il “basolato dei diritti” ed il motto “Pavimentiamo le strade per tracciare i diritti dei bambini e dei ragazzi”.

La staffetta, partita da San Giorgio a Cremano, raggiungerà Napoli sabato 11 dicembre dopo aver fatto tappa l’11 novembre a Giugliano. Una tappa importante per gli alunni della scuola statale di primo grado “Don Salvatore Vitale” di Licola e Varcaturo che, insieme ad altre scuole del territorio, hanno posato pannelli personalizzati per dar vita al “Basolato”, una pavimentazione che simboleggia una città costruita a misura dei bambini e che illustra i fondamentali articoli dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

Gli alunni della Don Salvatore Vitale, guidati dalla Professoressa Luisa Pannitti, hanno realizzato il loro pannello con la tecnica del mosaico dando vita ad una didascalia semplice ma d’impatto: “LOVE”, un messaggio di pace, speranza e amore, contribuendo alla composizione di un mosaico progressivamente più grande.

Dalla sede del comune di Giugliano un piccolo corteo di alunni, genitori ed insegnanti, guidati dal sindaco Nicola Pirozzi, ha raggiunto la sede della polizia municipale dove, dopo gli interventi istituzionali, sono stati simbolicamente posati i pannelli. Il testimone è passato quindi a Josi Della Ragione, sindaco di Bacoli, tappa successiva del tour.

Queste, a conclusione, le parole del coordinatore del progetto, Francesco Langella: ”Questo testimone a forma di stele è assai importante, perché formato dalle lettere dell’alfabeto e simbolicamente vuole alludere al dialogo tra le comunità. Vuole anche essere una declinazione dell’amicizia, dell’amore e della solidarietà”.

Basolato Unicef dei diritti